foto del gruppo Tuscae
i Programmi
Informazioni
Juke Box
Video Box
Cerca

Ricerca avanzata
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Articoli > CD > QUANDO IL MERLO CANTA
QUANDO IL MERLO CANTA

1 Musa che sorgi da quell’ aria fina (Trad.) 0.36
2 Monte Acuto (Trad./Poli) 2.38
3 Quando il merlo canta (Trad./Poli) 2.25
4 Passo doppio francese (Trad.) 2.24
5 Il pecoraio (Trad./Poli) 4.25
6 Come volete faccia/Tutti mi dicon Maremma (Trad./Poli) 3.36
7 Ballo dei gobbi I° e II° (Trad.) 2.28
8 Quando lo pecoraio va in Maremma (Trad./Poli) 3.49
9 Allegri allegri, disse la Maremma (Trad.) 2.31
10 Lettere di Tiburzi (Trad./Poli) 5.09
11 La vita strapazzata (Trad/ Poli) 6.26
12 U trenu chi và in Bastia (Trad.) 4.32
13 Ninna nanna Corsa (Trad./Poli) 3.30
14 E voi Caterinella bella (Trad.) 3.13
15 Giorgina – Scottisce (Lucchesi) 1.55
16 Che mangerà la sposa (Trad.) 4.04
17 Cantilena delle saline (Trad/Poli) 4.04
Contiene libretto di 36 Pagine con testi, commenti e foto.
Durata totale: 58.28

Detto progetto, coordinato da Daniele Poli, prende vita dalla attività pluriennale di ricerca svolta dal Centro di Documentazione Storico - Etnografico della Val di Bisenzio, e dalle registrazioni effettuate nel corso degli anni dagli operatori CDSE, tra gli altri Daniele Poli, Annalisa Marchi, nonché da Umberto Mannucci, dal Collettivo Folkloristico Montano Pistoiese, dall’Archivio delle tradizioni popolari della Maremma, dal Centro di Ricerche Corse, mettendo quindi in relazione vari documenti raccolti che ruotano tra Val di Bisenzio, Montagna Pistoiese, Appennino Tosco-emiliano, Maremma e Corsica.
Nel CD trovano spazio rielaborazioni di Daniele Poli di brani originali eseguiti dal gruppo TUSCAE GENTES (vedi curriculum). Ninne nanne, canti di lavoro, canti corsi fatti propri dai boscaioli delle nostre montagne, vecchie danze popolari diffuse una volta sull’Appennino e poi esportate in Maremma, oppure canti che dalla Maremma sono giunti a noi modificati, adattati alla nostra realtà locale, lamenti di carbonai, ottave di partenza o di ritorno dei nostri lavoranti. In realtà un vero viaggio, quanto mai poetico, che pur mantenendo caratteristiche di ricerca e documentazione (nuove scoperte etno-musicali, citazione delle fonti, comparazione delle stesse, scelta degli organici strumentali), appare con una veste musicale assolutamente raffinata per quanto riguarda gli arrangiamenti e le rielaborazioni, che, pur rispettose delle fonti originali, danno nuova vita ai brani, non sforzandosi di proporli in una veste pseudo-originale ma andando oltre, producendo un risultato musicalmente di valore in sé.
In allegato al CD vi è un libretto di 36 pagine con testi, commenti e splendide foto provenienti dall’ archivio del Centro di Documentazione della Val di Bisenzio.
  Vedi questo articolo in formato PDF Stampa articolo invia article

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2007 The XOOPS ProjectGoogle Sitemap Generator